Alternanza scuola-lavoro: dalla danza al packaging, premiati i progetti migliori

foto

Più di cento studenti hanno presentato i video delle loro esperienze. Primi posti per Sanfelice di Viadana e Is Fermi

di Barbara Rodella

MANTOVA. Dal ballo libero in varie location della Calabria, all’ideazione di plastica per packaging biodegradabile. Mercoledì 21 novembre si è svolta al Mamu la premiazione “storie di alternanza”, con i ragazzi vincitori dell’iniziativa promossa da Camera di Commercio che hanno presentato con un video della durata di circa 5 minuti sulla loro esperienza di alternanza scuola lavoro. Cinque i progetti vincenti, su dieci candidature, suddivisi in due categorie: licei e istituiti tecnici. Ai vincitori, un buono in denaro spendibile per acquistare libri o altro materiale scolastico: rispettivamente, partendo dal gradino più alto del podio, di 700, 500 e 300 euro.

I LICEI

Per la categoria licei, la medaglia d’oro è stata assegnata alla V CL linguistico del Sanfelice di Viadana. Gli studenti hanno realizzato un documentario-intervista per parlare di violenza e stereotipi di genere analizzando i pregiudizi radicati nei giovani, negli adulti e negli anziani. Medaglia d’argento, V scientifico e IV liceo scienze applicate dell’istituto Galilei di Ostiglia. Le due classi hanno lavorato, per due anni, per riaprire il museo archeologico di Ostiglia danneggiato dal terremoto del 2012 preparando delle copie dei reperti con la stampa in 3D. Hanno quindi scansionato il materiale, lo hanno rielaborato con programmi digitali e lo hanno infine realizzato in 3D. Al terzo posto, la IV AC indirizzo coreutico del Carlo d’Arco-Isabella d’Este. Gli studenti hanno messo in campo le loro capacità artistiche in una sorta di tournée in Calabria, dove si sono esibiti i differenti location, dalla spiaggia all’aperta campagna. Tutti spazi alternativi al classico teatro.

GLI ISTITUTI TECNICI

Per gli istituti tecnici, il primo posto se lo aggiudica la V CCH chimica e materiali del Fermi grazie al progetto MaoPlast: una plastica biodegradabile a zero impatto ambientale ideale per il packaging. Un’invenzione che ha portato i ragazzi fino in Cina al Castic 2018, concorso che li ha visti salire sul secondo gradino del podio. Prossima meta? Belgio, all’Expo science a Bruxelles. Dietro arrivano poi gli studenti di due classi quinte, BG e AG, di grafica e comunicazione del Carlo d’Arco-Isabella d’Este che hanno seguito e promosso la rassegna musicale Danzalmente, in scena a Mantova a fine settembre, ideando il logo della manifestazione, brochure, manifesti. E poi promuovendo l’evento su Facebook, scattando fotografie e registrando video da caricare sui diversi social network.

Gazzetta di Mantova, 21 novembre 2018